NOTIZIERENDERE I DIRITTI UMANI UNA REALTÀ IN TUTTO IL MONDO

EROI DEI DIRITTI UMANI RICONOSCIUTI PRESSO LE NAZIONI UNITE

Il 15° Summit Annuale Internazionale sui Diritti Umani presso le Nazioni Unite ha presentato 94 giovani delegati e ambasciatori (a sinistra); Premi “Eroe per i Diritti Umani” dati a David Kritsun di Israele, Nfamara Jawneh del Gambia (sopra a destra), e Issa Sufyan Hussein dell’Iraq (in basso a destra).

Durante il 15° Summit Annuale Internazionale sui Diritti Umani, Gioventù per i Diritti Umani Internazionale conferisce tre premi ad umanitari stellari per il loro lavoro nel cambiare il volto della loro nazione.

Al Summit Internazionale sui Diritti Umani, esemplari sostenitori dei diritti umani ricevono il Premio Eroe per i Diritti Umani. Al 15° Summit Annuale [vedi pagina 3] tenuto presso la sede delle Nazioni Unite a New York, la dott.ssa Mary Shuttleworth, Presidente di Gioventù per i Diritti Umani Internazionale, ha conferito premi a tre eccezionali umanitari:

  • David Kritsun e Gioventù per i Diritti Umani di Israele per aver unito diversi ambienti etnici e comunità religiose. Attraverso il loro lavoro, hanno esteso l’istruzione sui diritti umani in 23 regioni di Tel Aviv e a quasi 100.000 persone a Gerusalemme, costruendo così una fondazione per la pace.
  • Nfamara Jawneh è il fondatore e Direttore Esecutivo di Beakanyang Kafo (che significa “pari opportunità per tutti”), una ONG sui diritti umani. Per 22 anni, sotto una dittatura in Gambia, è stato portavoce e forza trainante nel cambiamento attraverso la sua ampia consapevolezza dei diritti umani e della campagna per la democrazia. Le sue attività popolari hanno raggiunto più di 20.000 persone con l’istruzione sui diritti umani. Ora collabora con il nuovo partito democratico del governo nazionale e con organizzazioni non governative per costruire una struttura per l’istruzione sui diritti umani.
Questi premiati dimostrano la portata dell’istruzione sui diritti umani al di là dei confini del paese, delle discriminazioni etniche e delle differenze religiose.
  • Nonostante il costante rischio e l’attiva minaccia dello Stato Islamico, Issa Sufyan Hussein ha addestrato sui diritti umani più di 1.700 membri del personale di intelligence, sicurezza e polizia in Kurdistan. È stato uno dei primi ad usare e attuare il programma di studi della campagna Uniti per i Diritti Umani e Gioventù per i Diritti Umani in lingua curda, e ora addestra altri insegnanti a portare avanti le sue attività.

Questi premiati dimostrano la portata dell’istruzione sui diritti umani al di là dei confini del paese, delle discriminazioni etniche e delle differenze religiose. Sono esempi stellari di molti altri eroi in tutto il mondo che sostengono i diritti umani e lavorano per migliorare le condizioni nella loro patria.



FATTI

TRATTA DEGLI ESSERI UMANI:

La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani afferma: “Nessun individuo potrà essere tenuto in stato di schiavitù o di servitù”, ma la schiavitù esiste ancora oggi

50%

DI PERSONE

intrappolate nel traffico di esseri umani si stima siano bambini

2-4

MILIONI

di bambini sono soggetti a prostituzione nel commercio globale della prostituzione

600-800

MILA VITTIME

sono acquistate e vendute attraverso confini internazionali ogni anno per lavoro forzato o prostituzione

2-4

MILIONI

di vittime della tratta ogni anno sia a livello nazionale che attraverso i confini internazionali

32

MILIARDI DI DOLLARI

vengono guadagnati annualmente attraverso il traffico di esseri umani a livello globale



UNISCITI ALLA SQUADRA

Unisciti al movimento internazionale dei diritti umani diventando un membro di Uniti per i Diritti Umani. Uniti per i Diritti Umani assiste individui, istruttori, organizzazioni ed enti governativi di ogni parte del mondo ad aumentare la consapevolezza della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.

SCARICA »
SCARICA